Come scegliere un dispositivo ad ozono per gli ambienti

La normativa attuale in ambito prevenzione contenimento SARS-COV2 prescrive agli operatori economici di eseguire una sanificazione periodica di superfici ed ambienti, oltre alla pulizia quotidiana.

L’ozono, come visto, è ampiamente riconosciuto come disinfettante naturale. Ma come scegliere un dispositivo ad ozono per gli ambienti?

La scelta va fatta in funzione di alcuni elementi:

  • la capacità di prodizione oraria
  • i volumi degli spazi da trattare
  • la gestione della procedura di sanificazione

Procedure che peraltro è relativamente semplice, purché siano rispettate le indicazioni fornite.

Vediamo nel dettaglio come.

Gli studi dimostrano che per inattivare i virus, tra cui il coronavirus, questi devono essere esposti per 20 minuti a 0,2-4,0 mg per metro cubo.

Il range é abbastanza ampio perché diversi fattori come umidità e temperatura possono influire. Per i successivi calcoli prendiamo come riferimento medio un valore nel mezzo, es. 2 mg per metro cubo.

I dispositivi “domestici« vitaO3 / crearia producono 0,5 gr all’ora (500 mg); significa che in 1 ora sanificano dai virus 250 mc, ovvero circa 90 mq (calcolati a 2,8 mt di altezza.

Quindi i passaggi sono: 500 mg/h -> 250 mc/h -> 80 mq/h

Ricordiamo che l’ozono dopo 20-30 minuti decade e si trasforma in ossigeno.

Per quelli professionali gli spazi sanificati in un’ora sono i seguenti:

Nella scelta poi andranno considerate anche la conformazione dei locali (dislocazione dei locali, aperture, altezze varianti…) e, come detto, l’organizzazione della procedura di sanificazione: se devo trattare più locali di medie dimensioni, serviranno più dispositivi da far funzionare contemporaneamente, o in alternativa, dovrò sanificarli in sequenza.

Per locali piccoli (stanze, uffici 30-40 mc) può andar bene 1 Crearia a parete per stanza, mentre per ambienti più grandi si parte da Eco’ngo (che ozonizza anche l’acqua per lavare le superfici disinfettando a fondo senza uso di prodotti chimici), al Cubo e Sterilpro per i grandi volumi. La sanificazione va fatta senza presenza di persone nei locali, e prima di rientrare deve passare un certo lasso tempo. Per questo é meglio usare dispositivi temporizzati durante la chiusura dei locali.

Per i negozi di abbigliamento, per i quali é meglio che sanifichino i capi provati, suggeriamo un Eco’ngo 1gr da collegare con il tubo in dotazione ad un “armadio mobile” in tela in cui riporre i capi da sanificare.

L’ozono, nella ristorazione, ha anche il grande pregio di eradicare i cattivi odori da cucina (es. odore di fritto). Bastano 10 minuti con Crearia a parete.

Vuoi avere maggiori informazioni per valutare la sanificazione degli ambienti con Ozono?

Compila il modulo

Un nostro consulente ti manderà la tabella con le informazioni principali

Cliccando su "INVIA" dichiaro di aver preso visione dell'Informativa sulla privacy.

Acconsento al trattamento dei dati personali per finalità marketingAcconsento al trattamento dati personali per finalità profilazione


 
 
*Campi obbligatori